Bloccare un sito web

588
Bloccare un sito web in tutti i browser

Se vogliamo bloccare un sito web senza modificare le impostazioni del firewall o del router possiamo utilizzare metodi diversi.
Possiamo bloccare il sito web nel browser (Chrome, Edge, Explorer, Firefox) utilizzando filtri o estensioni, installare un content control cioè un programma capace di negare l’accesso, oppure utilizzare DNS (→ cos’è il DNS) che offrano una funzione di filtraggio dei domini. Ma il metodo migliore per bloccare un sito web consiste nel modificare un particolare file del sistema operativo chiamato hosts (→ cos’è il file hosts). Vediamo come aprire il file hosts e come modificarlo.
La guida che segue può essere utilizzata in tutti i computer con sistema operativo Windows 10, Windows 8.1/8, Windows 7 e Windows Vista (→ quale versione di Windows è installata nel computer).

Importante: modificando il file hosts l’accesso al sito web sarà bloccato per qualsiasi web browser installato nel computer.

Come aprire il file hosts di Windows

Vediamo prima di tutto come aprire il file hosts con il blocco note di Windows.
Importante: il file hosts può essere aperto e modificato soltanto da un account utente administrator (→ differenza fra utente standard e administrator).

Windows 10
In basso a sinistra nella Barra delle applicazioni di Windows 10 è presente la casella di ricerca di Cortana (→ cos’è Cortana e come si usa).
All’interno della casella di ricerca digitiamo blocco note.

Windows 8.1/8
Premiamo sulla tastiera del computer il tasto Windows (è il tasto con il logo di Windows) e Q contemporaneamente.
Nella casella Cerca digitiamo blocco note.

Windows 7 | Windows Vista
Premiamo sulla tastiera del computer il tasto Windows (è il tasto con il logo di Windows).
Nella casella Cerca programmi e file (Windows 7) o Inizia ricerca (Windows Vista) digitiamo blocco note.

Nell’elenco dei risultati comparirà Blocco note.
Posizioniamo il puntatore del mouse sopra Blocco note.
Facciamo clic con il pulsante destro del mouse e nel menù visualizzato facciamo clic su Esegui come amministratore.
Se si apre la finestra Controllo dell’account utente (→ cos’è il Controllo Account Utente) facciamo clic su Si.
Nel menù del Blocco note facciamo clic su File.
Facciamo clic su Apri
Andiamo in C:/Windows/System32/drivers/etc
Nella finestra Apri, in basso a destra, facciamo clic su Documenti di testo (*.txt).
Facciamo clic su Tutti i file.
Verrà visualizzato un elenco di file tra i quali il file hosts.
Facciamo doppio clic sul file hosts per aprirlo.

Come bloccare un sito web modificando il file hosts

Vediamo adesso come modificare il file hosts per bloccare un sito web in tutti i browser.
Supponiamo di voler bloccare un sito web chiamato www.nomesitouno.com e un sito web chiamato www.nomesitodue.it
Al fondo del file hosts digitiamo 127.0.0.1 seguito dall’indirizzo web del primo sito che vogliamo bloccare.
Andiamo a capo e digitiamo 127.0.0.1 seguito dall’indirizzo web del secondo sito che vogliamo bloccare.
127.0.0.1 www.nomesitouno.com
127.0.0.1 www.nomesitodue.it
Il contenuto del file hosts modificato sarà il seguente:

# Copyright (c) 1993-2009 Microsoft Corp.
#
# Si tratta di un file HOSTS di esempio utilizzato da Microsoft TCP/IP per Windows.
#
# Questo file contiene i mapping degli indirizzi IP ai nomi host. Ogni
# voce deve essere mantenuta su una singola riga. L’indirizzo IP deve essere
# inserito nella prima colonna seguito dal nome host corrispondente.
# L’indirizzo IP e il nome host devono essere separati da almeno uno
# spazio.
#
# Inoltre, è possibile inserire commenti (come questi) su righe
# singole o dopo il nome della macchina identificato da un simbolo “#”.
#
# Ad esempio:
#
# 102.54.94.97 rhino.acme.com # source server
# 38.25.63.10 x.acme.com # x client host

# la risoluzione dei nomi localhost è gestita all’interno del DNS stesso.
# 127.0.0.1 localhost
# ::1 localhost
127.0.0.1 www.nomesitouno.com
127.0.0.1 www.nomesitodue.it

Adesso dobbiamo salvare il file hosts.
Nel menù del Blocco note facciamo clic su File.
Per concludere facciamo clic su Salva.
Importante: ogni modifica al file hosts ha effetto immediato. Non dobbiamo riavviare Windows per rendere effettive le modifiche apportate.

Visualizzare il sito web bloccato

Adesso proviamo a collegarci al sito web che abbiamo bloccato.
Apriamo il web browser (Chrome, Edge, Explorer, Firefox) e nella barra degli indirizzi digitiamo l’indirizzo del sito web bloccato.
Verrà visualizzato uno dei seguenti messaggi:
Impossibile raggiungere il sito
Non è possibile raggiungere questa pagina
Connessione non riuscita

Cosa fare se il sito web viene visualizzato anche dopo averlo bloccato

Vediamo cosa fare se dopo aver modificato il file hosts non riusciamo a bloccare un sito web perché questo viene visualizzato normalmente.
La prima cosa che possiamo fare è svuotare la cache (→ cos’è la cache) del web browser, la memoria utilizzata per salvare il codice HTML, le immagini e tutte le informazioni necessarie alla visualizzazione delle pagine Internet.
Se anche dopo aver svuotato la cache continuiamo a visualizzare il sito web è molto probabile che l’antivirus del computer o un altro software per la sicurezza effettui un ripristino automatico del file hosts.