Come creare un’immagine di sistema di Windows

1982
Come creare un'immagine di sistema di Windows

Un’immagine di sistema (in inglese system image) è una copia esatta della configurazione e di tutti gli elementi del disco del computer. Contiene le informazioni necessarie al funzionamento del sistema operativo, le app, i programmi, i file e le cartelle dell’utente. Inoltre, per impostazione predefinita, comprende anche tutte le unità richieste per l’esecuzione di Windows.
L’immagine di sistema può essere utilizzata per ripristinare il sistema in caso di malfunzionamenti o infezioni da parte di virus e malware evitando di dover reinstallare Windows.
Vediamo come creare un’immagine di sistema di Windows senza installare app o software di terze parti utilizzando lo strumento di backup e ripristino disponibile in tutti i sistemi operativi Microsoft.
La procedura descritta può essere utilizzata in Windows 11, Windows 10, Windows 8.1/8 (→ quale versione di Windows è installata nel PC) e in tutti i personal computer Acer, ASUS, Dell, HP, Lenovo e Toshiba.

Come accedere allo strumento di backup

Lo strumento di backup che consente di creare un’immagine di sistema di Windows è stato introdotto in Windows 7. Sostanzialmente è rimasto identico in tutti i sistemi operativi Microsoft successivi soprattutto per motivi di compatibilità con i backup creati con le vecchie versioni di Windows. Anche se Windows 11 e Windows 10 integrano strumenti di backup più recenti, come ad esempio la cronologia file, l’utilizzo di un’immagine di sistema per catturare un’istantanea dell’installazione di Windows comprensiva di app e programmi configurati è ancora consigliato. Vediamo come funziona.

Premiamo sulla tastiera del computer i tasti (è il tasto con il logo di Windows) e R contemporaneamente.
Si aprirà il → comando Esegui.

Comando Esegui

Nella casella Apri: digitiamo sdclt
Facciamo clic sul pulsante OK del comando Esegui.
Si aprirà lo strumento Backup o ripristino.

Backup e ripristino di Windows

Nel menu a sinistra facciamo clic su Crea immagine di sistema.

Dove salvare l’immagine di sistema di Windows?

A questo punto si aprirà una finestra in cui dovremo specificare il percorso di backup cioè dove salvare l’immagine di sistema che stiamo creando.

Come creare immagine di sistema di Windows in un disco esterno

Vediamo quali sono le opzioni disponibili.

  • Su un disco rigido
    Questa opzione consente di salvare l’immagine di sistema in un disco esterno o in un secondo disco locale (SSD o disco rigido). È l’opzione migliore da scegliere.
    Se Windows rileva la presenza di un disco adatto suggerirà questa destinazione nell’elenco che compare nel menu a tendina. L’immagine di sistema NON può essere salvata nello stesso disco in cui è installato Windows.
    Il disco deve essere formattato con il file system NTFS (→ differenza tra FAT32, NTFS e exFAT).
    Non è possibile salvare l’immagine di sistema in una chiavetta USB o una scheda SD.
  • Su uno o più DVD
    Questa opzione consente di salvare l’immagine di sistema in uno o più DVD. Si sconsiglia di utilizzare questa opzione anche perché potrebbero essere richiesti due, tre o più DVD.
  • In un percorso di rete
    Questa opzione consente di salvare l’immagine di sistema in una cartella di rete condivisa.

Importante: se selezioniamo come destinazione di backup un disco locale (interno o esterno), Windows utilizzerà il backup incrementale. Il backup incrementale è un tipo di backup che partendo da un’immagine di sistema completa consente di aggiungere soltanto i nuovi dati e i file modificati, lasciando inalterato tutto il resto.
Grazie al metodo incrementale le successive operazioni di scrittura del backup risulteranno più veloci.
Se invece selezioniamo come percorso di backup una cartella di rete verrà creata una nuova immagine di sistema che cancellerà la precedente.

Creare l’immagine di sistema

Vediamo adesso come creare un’immagine di sistema di Windows. In questa guida utilizzeremo come percorso di backup un disco esterno.

Colleghiamo il disco al computer.
Selezioniamo Su un disco rigido.
Scegliamo il disco nel menu a tendina. In caso non fosse visualizzato facciamo clic su <Aggiorna>.
Facciamo clic su Avanti.
Se oltre alle unità necessarie per l’esecuzione di Windows sono presenti anche altre unità, verrà visualizzata la finestra Selezionare le unità da includere nel backup.

Selezionare le unità da includere nell'immagine di sistema

Selezioniamo le unità che vogliamo includere nell’immagine di sistema e facciamo clic su Avanti.

Impostazioni di backup

Nella finestra Confermare le impostazioni di backup facciamo clic su Avvia backup per avviare il processo.
Aspettiamo fino al completamento dell’operazione.

Al termine della procedura verrà richiesto se vogliamo creare un disco di ripristino del sistema.

Creare un disco di ripristino del sistema

Il disco di ripristino o unità di ripristino è una chiavetta USB che possiamo utilizzare per riparare o reinstallare il sistema operativo in caso di problemi e malfunzionamenti quando Windows non si avvia.
Facciamo clic su Si se vogliamo crearlo oppure su No per proseguire.
Importante: l’unità di ripristino può anche essere creata in un secondo momento (→ come creare un’unità di ripristino di Windows 11).
Per concludere facciamo clic su Chiudi.

Immagine di sistema e backup incrementale

Windows utilizza il backup incrementale cioè è un tipo di backup che partendo da un’immagine di sistema completa consente di aggiungere soltanto i nuovi dati e quelli modificati, lasciando inalterato tutto il resto.
Questo significa che quando creeremo una seconda immagine di sistema l’operazione di scrittura sarà molto più rapida.

Quando creare un’immagine di sistema?

Anche se l’immagine di sistema può essere creata in qualsiasi momento il consiglio è di crearla subito dopo l’installazione e la configurazione di Windows, delle app e dei programmi.
Se invece abbiamo acquistato un PC con Windows preinstallato prima di creare l’immagine di sistema eliminiamo crapware e bundle (con questi termini vengono indicati app e programmi di scarso valore preinstallati dal produttore) e aggiorniamo Windows.

Come viene salvata un’immagine di sistema di Windows?

Nei sistemi operativi Microsoft le immagini di sistema vengono salvate sotto forma di dischi virtuali VHD (acronimo di Virtual Hard Disk). Questo formato è un contenitore che raccoglie gli elementi del disco incluse le partizioni.
Anche se i dati non vengono compressi, il formato VHD è un formato compatto. L’immagine creata non include lo spazio inutilizzato e i file non necessari, come ad esempio i file di packaging, di ibernazione e i punti di ripristino (→ cos’è un punto di ripristino di Windows).

Come ripristinare un’immagine di sistema di Windows?

L’immagine di sistema può essere ripristinata in qualsiasi momento utilizzando lo strumento di ripristino. Per sapere come fare leggiamo → come ripristinare un’immagine di sistema di Windows.

Articolo precedenteCome condividere l’hard disk in rete con Windows
Articolo successivoCome entrare nel BIOS del computer