Cosa sono i Dash

8
Cosa sono i dash

I dash sono una moneta elettronica cioè una forma di pagamento digitale. Sono una criptovaluta o criptomoneta cioè una forma di denaro paritaria e decentralizzata che utilizza la crittografia per controllare la sua creazione, le transazioni e l’attribuzione di proprietà.
Al pari dei bitcoin (→ cosa sono i bitcoin) i dash sono una criptovaluta open source che viene gestita in modo collettivo da un insieme di utenti utilizzando il protocollo blockchain.
I dash sono stati progettati per consentire transazioni instantanee e private utilizzando una struttura di governance rapida in grado di superare i difetti dei bitcoin.
Per capire cosa sono i dash dobbiamo spiegare cos’è la tecnologia blockchain e cosa sono i masternode.

Cos’è la Blockchain

L’emissione di dash e la gestione delle transazioni vengono effettuate in modo collettivo utilizzando una rete decentralizzata di database che utilizza il protocollo blockchain.
Blockchain è una tecnologia che consente di creare un database di grandi dimensioni strutturato in blocchi, utilizzato per gestire le transazioni che vengono condivise tra tutti i nodi della rete.
In pratica la blockchain è un gigantesco database in cui i dati, invece di essere salvati in un unico server, vengono salvati su più macchine collegate tra loro.
La grande forza della blockchain è la sua resistenza alle manomissioni e agli attacchi hacker. Questo perché i dati non risiedono in un’unico computer ma su più computer o “nodi” della rete.

Ogni nodo e quindi ogni persona che utilizza questa rete può inviare e ricevere dash in maniera istantanea e senza la necessità di dover utilizzare dati sensibili.
Grazie alla blockchain i dash e le altre criptovalute sono completamente gestite dagli utenti che le utilizzano senza usare banche o intermediari di alcun tipo.

Come vengono creati i dash?

Cos’è il mining

Per comprendere meglio cosa sono i dash cerchiamo di capire come vengono creati.
I dash sono generati da un processo che viene chiamato mining (termine analogo al gold mining, estrazione dell’oro). Il processo di mining sfrutta la potenza di calcolo del computer utilizzando software e hardware dedicato. Il software elabora e conferma le transazioni in corso sulla rete dash P2P. Per poter confermare una nuova transazione occorrono calcoli matematici molto complessi. In cambio del servizio di elaborazione e conferma delle transazioni vengono emessi nuovi dash.

La rete dash genera e distribuisce in modo casuale una quantità fissa di criptomoneta dopo ogni transazione verificata con esito positivo.
Queste nuove criptomonete vengono distribuite ai client che elaborano le transazioni cioè i miners (minatori). I miners si occupano anche della gestione e della sicurezza della rete dash. Ogni volta che viene effettuato un acquisto verificano che i dash spesi siano effettivamente di proprietà dell’acquirente e arrivino dal suo wallet.
La probabilità che lo stesso miner riceva la ricompensa per il lavoro svolto dipende dalla potenza di calcolo che aggiunge alla rete. Questo rende il mining molto competitivo. Maggiore è il numero di miners che fanno parte della rete minore sarà la probabilità di ottenere un profitto elevato. Un numero più alto di miners significa però un maggior controllo sulle transazioni eseguite.

Cosa sono i masternodes

Continuiamo la guida su cosa sono i dash parlando dei masternodes.
Oltre ai miners la rete dash utilizza una forma di organizzazione autonoma decentralizzata costituita da un insieme di utenti chiamati masternodes.
I masternodes utilizzano dei server che svolgono varie attività utili alla gestione e alla sicurezza della rete dash. Eseguono funzioni di nodo della rete ospitando una copia della blockchain, inoltrano messaggi e convalidano le transazioni.
I masternodes consentono inoltre di effettuare InstantSend, vale a dire transazioni immediate ignorando il mining e richiedendo il consenso ai server della rete, e PrivateSend cioé transazioni anonime per le quali non è possibile risalire all’indirizzo del mittente e del destinatario.
In cambio del servizio svolto i masternodes ricevono un compenso.

Poiché la gestione della rete dash avviene mediante un’architettura a due livelli (miners e masternodes) anche il compenso per le attività svolte viene diviso in misura paritaria.
Il 45% dei nuovi dash generati dal sistema viene distribuito ai miners mentre l’altro 45% ai masternodes. Il restante 10% viene invece utilizzato per finanziare lo sviluppo della criptovaluta.

Come diventare masternode

Per diventare masternodes sono richiesti alcuni requisiti. Primo fra tutti si devono possedere 1000 dash, una somma non alla portata di tutti. Secondo il server deve avere un indirizzo IP privato statico dedicato (→ cos’è l’indirizzo IP) e deve soddisfare i requisiti minimi per CPU, RAM, spazio su disco e larghezza di banda della rete.
Il masternode deve poi utilizzare un server VPS con Linux e deve essere attivo 24 ore al giorno con un massimo di un’ora di inattività al giorno.
Inoltre la configurazione iniziale di un masternode richiede competenze tecniche elevate e la sua manutenzione è abbastanza complessa.

Chi ha creato i dash?

I dash sono stati lanciati nel gennaio 2014 da Evan Duffield. Il loro nome iniziale era xcoin, successivamente rinominati in darkcoin e chiamati definitivamente dash nel marzo 2015.

Quanto vale 1 dash?

Dopo aver capito cosa sono i dash spieghiamo quanto valgono.
Il meccanismo che regola l’acquisto e la vendita di dash è identico a quello delle altre criptovalute e segue le stesse regole utilizzate per lo scambio della valuta tradizionale. Si basa sui tassi di cambio calcolati in base alla domanda e all’offerta di dash. Di conseguenza il prezzo sale quando la richiesta cresce e diminuisce quando la richiesta decresce.
Come accade per tutte le monete elettroniche anche il valore dei dash non si è ancora stabilizzato e può diminuire o aumentare anche di molto nel breve periodo.
Per conoscere il valore di 1 dash possiamo collegarci al sito web Coinmarketcap.com

Come ottenere dash gratuitamente

Oltre al processo di mining è possibile ottenere dash gratuitamente anche in altri modi.
Nel web esistono dei siti Internet chiamati dash faucet che regalano dash in cambio di clic sui banner pubblicitari (→ come guadagnare dash gratis con i faucet).

Differenze tra dash e bitcoin

Concludiamo la guida su cosa sono i dash spiegando quali sono le principali differenze tra dash e bitcoin.
I dash sono molto più veloci dei bitcoin nel senso che assicurano transazioni instantanee grazie alla tecnologia InstantSend.
Tutte le transazioni eseguite sono private e difficilmente rintracciabili poiché utilizzano la tecnologia PriveteSend.
In sintesi possiamo dire che i punti di forza dei dash rispetto ai bitcoin sono la rapidità e l’anonimato delle transazioni.