Cos’è il BIOS del computer: come funziona e a cosa serve

2576

Il BIOS (acronimo di Basic Input-Output System) è il primo software a essere eseguito all’accensione del computer. Viene utilizzato per accedere all’hardware e alle periferiche integrate nella scheda madre.
Per capire cos’è il BIOS e come funziona dobbiamo prima di tutto spiegare come viene avviato il sistema operativo.

Come viene avviato il sistema operativo

Quando premiamo il pulsante di accensione del computer viene avviata una procedura che consente di caricare il sistema operativo. La procedura di avvio viene eseguita da un programma mantenuto nella memoria ROM (Read Only Memory) o per essere più precisi nella EPROM, la memoria non volatile riscrivibile in cui i dati vengono memorizzati mediante collegamenti elettronici. Questo programma è chiamato firmware e si interpone fra l’hardware e il software del computer.

Il firmware risiede nell’hardware per il quale è stato progettato e viene installato dal produttore della scheda madre (in inglese motherboard). Subito dopo l’accensione del computer viene caricato nella RAM (Random Access Memory) per consentire al processore di eseguirlo.
Nei computer il firmware è anche chiamato BIOS, dal nome dato a questo programma nei primi PC prodotti dalla IBM.

A cosa serve il BIOS

Il BIOS viene utilizzato per gestire il POST (Power-On Self-Test), la procedura che va dall’accensione del computer fino all’avvio del sistema operativo. Il POST è la fase di auto diagnosi utilizzata per controllare il corretto funzionamento dell’hardware. Inizia subito dopo aver premuto il pulsante di accensione del computer e termina subito prima della fase di caricamento del sistema operativo.

Il BIOS si occupa dell’inizializzazione dell’hardware ed effettua un controllo per verificare che tutti i dispositivi funzionino correttamente. Se il controllo ha esito positivo avvia il bootloader, il programma che si occupa di caricare ed eseguire il kernel del sistema operativo.

Il Basic Input-Output System risiede in un chip della scheda madre in cui è integrato ed è il primo programma ed essere eseguito dopo aver premuto il pulsante di accensione.
Importante: non importa se stiamo utilizzando un sistema operativo Microsoft, Mac o Linux. Il BIOS è parte integrante dell’hardware della scheda madre.

Interfaccia del BIOS

Cos'è il BIOS

L’interfaccia del BIOS consente di utilizzare e modificare le funzioni di avvio, gestione e diagnostica dell’hardware del computer.
Per modificare queste funzioni bisogna accedere all’interfaccia durante la procedura di POST premendo un tasto o una combinazione di tasti durante l’accensione del computer (→ come entrare del BIOS).
Sempre nell’interfaccia del BIOS è possibile modificare le impostazioni relative alla fase di avvio del computer, chiamata processo di boot o semplicemente boot.

BIOS e UEFI

Il BIOS si basa su una tecnologia ormai obsoleta risalente all’inizio degli anni ’80. Per questo motivo nei computer prodotti dal 2010 in avanti ha iniziato a essere progressivamente sostituito da un nuovo firmware chiamato UEFI.
Le specifiche dell’UEFI (acronimo di Unified Extensible Firmware Interface) sono state create nel 2003 da Intel. Inizialmente chiamato soltanto EFI, il firmware ha cambiato nome in UEFI dopo essere stato ripreso e sviluppato dall’Unified EFI Forum, un progetto che si occupa di promuovere nuovi standard industriali.
Il firmware UEFI offre notevoli vantaggi e nuove funzionalità: riduzione dei tempi di caricamento del sistema operativo e di ripresa dallo stato di ibernazione, strumenti di diagnostica e ripristino dei dati e supporto dei dischi rigidi di grandi dimensioni.

Per capire quali sono le differenze fra BIOS e UEFI e quali caratteristiche li distinguono leggiamo → cos’è l’UEFI.

Articolo precedenteCome esportare i segnalibri di Firefox
Articolo successivoImpossibile disinstallare Office: come risolvere il problema?