Creare un’immagine di sistema di Windows 10 su chiavetta USB

785
Creare un'immagine di sistema di Windows 10 su chiavetta USB

Un’immagine di sistema (in inglese system image) è una copia degli elementi contenuti nel disco rigido del computer. Comprende le informazioni necessarie al funzionamento del sistema operativo, le app, i programmi, i file e le cartelle dell’utente. Inoltre nei sistemi operativi Microsoft include, per impostazione predefinita, tutte le unità richieste per l’esecuzione di Windows.
Vediamo come creare un’immagine di sistema di Windows 10 su chiavetta USB da poter utilizzare per ripristinare il PC in caso di malfunzionamenti, rottura del disco rigido o infezioni da parte di virus e malware.

Collegare la chiavetta USB al PC

Prima di tutto colleghiamo la chiavetta USB che vogliamo utilizzare per salvare l’immagine di sistema di Windows 10 al PC. Nel caso in cui la chiavetta USB non venga riconosciuta dal computer leggiamo la guida → dispositivo USB non riconosciuto.
Importante: la chiavetta USB dev’essere formattata (→ come formattare una chiavetta USB) con il file system NTFS (→ differenza tra FAT32, NTFS e exFAT). In caso contrario non sarà possibile salvare l’immagine di sistema.
Lo spazio richiesto per salvare l’immagine di sistema di Windows 10 può essere parecchio. Tutto dipende dalla quantità di file, cartelle, app e programmi installati nel PC.
Durante la procedura di creazione dell’immagine di sistema Windows indicherà la quantità di spazio richiesto e ci avviserà nel caso in cui la chiavetta USB che vogliamo utilizzare non contenga spazio sufficiente.

Accedere allo strumento che consente di creare le immagini di sistema di Windows 10

Vediamo adesso come accedere allo strumento che consente di creare le immagini di sistema di Windows 10.
Premiamo sulla tastiera del computer i tasti Windows (è il tasto con il logo di Windows) e R contemporaneamente.
Si aprirà la finestra Esegui (→ cos’è il comando Esegui di Windows).
Nella casella Apri: digitiamo sdclt
Facciamo clic su OK.
Si aprirà la finestra Backup o ripristino dei file.
Nel menu a sinistra facciamo clic su Crea immagine di sistema.
A questo punto si aprirà la finestra Specificare il percorso in cui salvare il backup.
Per salvare l’immagine di sistema di Windows 10 su chiavetta USB selezioniamo Su un disco rigido.
Nel menu a tendina selezioniamo la chiavetta USB.

Come creare l’immagine di sistema di Windows 10 su chiavetta USB

Facciamo clic su Avanti.
Nel caso in cui, oltre alle unità necessarie per l’esecuzione di Windows, siano presenti anche altre unità, verrà visualizzata la finestra Selezionare le unità da includere nel backup.
Selezioniamo le unità che vogliamo includere nell’immagine di sistema e facciamo clic su Avanti.
Nella finestra Confermare le impostazioni di backup facciamo clic su Avvia backup per avviare il processo che consente di creare un’immagine di sistema di Windows 10 su chiavetta USB.
Adesso comparirà la finestra Crea immagine di sistema.
Aspettiamo fino al termine dell’operazione.

Al termine della procedura verrà richiesto se vogliamo Creare un disco di ripristino del sistema?
Il disco di ripristino è un CD/DVD che possiamo utilizzare per riparare o reinstallare il sistema operativo in caso di problemi e malfunzionamenti quando Windows non si avvia. Facciamo clic su Si se vogliamo crearlo oppure su No per proseguire.
Importante: il disco di ripristino del sistema può anche essere creato in un secondo momento (→ come creare un disco di ripristino di Windows).
Quando compare il messaggio Backup completato facciamo clic su Chiudi.

A questo punto sulla chiavetta USB sarà presente l’immagine di sistema di Windows 10.

Immagine di sistema e backup incrementale

Windows utilizza il backup incrementale cioè è un tipo di backup che partendo da un’immagine di sistema completa consente di aggiungere e memorizzare soltanto i nuovi dati e quelli modificati, lasciando inalterato tutto il resto.
Grazie al metodo incrementale le successive operazioni di scrittura del backup sulla chiavetta USB richiederanno meno tempo.

Quando creare un’immagine di sistema

Anche se l’immagine di sistema può essere creata in qualsiasi momento il consiglio è di crearla subito dopo l’installazione e la configurazione di Windows, delle app e dei programmi.
Se invece abbiamo acquistato un PC con Windows preinstallato prima di creare l’immagine di sistema eliminiamo crapware o bundle cioè tutti quei programmi di scarso valore preinstallati dal produttore. Configuriamo e aggiorniamo Windows, le app e i programmi e procediamo con la creazione dell’immagine di sistema.
In questo modo, in caso di problemi, avremo la possibilità di ripristinare non soltanto file e cartelle ma anche la configurazione ottimale del PC.

Come viene salvata un’immagine di sistema di Windows

Concludiamo la guida spiegando come vengono salvate le immagini di sistema.
Le immagini di sistema di Windows vengono salvate sotto forma di dischi virtuali VHD (Virtual Hard Disk). Questo formato è un contenitore che raccoglie gli elementi del classico hard disk, incluse le partizioni.
Anche se i dati non vengono compressi, il formato VHD è un formato compatto. L’immagine creata non include lo spazio inutilizzato e i file non necessari, come ad esempio i file di packaging, di ibernazione e i punti di ripristino (→ cos’è un punto di ripristino di Windows).

Come ripristinare l’immagine di sistema di Windows

Un’immagine di sistema può essere ripristinata in qualsiasi momento utilizzando lo strumento ripristino immagine di sistema di Windows. Per sapere come effettuare il ripristino leggiamo la guida → ripristino immagine di sistema di Windows.