Home Windows Formattare un SSD

Formattare un SSD

282
Formattare un SSD

Una unità di memoria a stato solido o SSD (solid-state drive) è un dispositivo di memoria di massa basato su semiconduttori che archivia i dati utilizzando circuiti elettrici. A differenza dei classico hard disk non contiene parti meccaniche e dischi magnetizzati ma memoria allo stato solido o memoria flash (in inglese flash memory).
Vediamo quali sono i metodi che consentono di formattare un SSD nei sistemi operativi Microsoft.
La guida che segue può essere utilizzata in tutti i computer con Windows 10, Windows 8.1/8, Windows 7 e Windows Vista (→ quale versione di Windows è installata nel PC).

Cos’è la formattazione

La formattazione (in inglese disk formatting) è un’operazione che consente di preparare un supporto di memorizzazione di massa come un disco rigido o una partizione (→ come creare una partizione con Windows), una chiavetta USB o una scheda di memoria, all’archiviazione dei dati. I motivi per cui si esegue questa operazione sono legati principalmente alla necessità di eliminare tutti i dati sensibili memorizzati nel supporto oppure per reinstallare il sistema operativo in seguito a malfunzionamenti o infezioni da parte di virus o malware.
La formattazione cancella tutte le informazioni e gli elementi (file e cartelle) presenti nel disco rigido e imposta un file system (→ cos’è un file system) per consentire a Windows o a un altro sistema operativo di archiviare nuovamente i dati.

Come formattare un SSD con Windows

Vediamo quali sono i metodi che possiamo utilizzare per formattare un SSD o una sua partizione (→ come creare una partizione) con Windows.
Attenzione: ricordiamo che la formattazione cancellerà tutto il contenuto dell’unità di memoria.

1º Metodo | Utilizzare il menu contestuale

Premiamo sulla tastiera del computer i tasti Windows (è il tasto con il logo di Windows) e R contemporaneamente.
Si aprirà la finestra Esegui (→ cos’è il comando Esegui di Windows).
Adesso nella casella Apri: digitiamo shell:mycomputerfolder
Facciamo clic su OK.
Si aprirà la finestra Questo PC (chiamata Computer in Windows 8, Windows 7 e Windows Vista).
In questa finestra vengono visualizzati tutti i dispositivi interni ed esterni connessi al computer.
Nella sezione Dispositivi e unità (chiamata Unità disco rigido in Windows 8, Windows 7 e Windows Vista) posizioniamo il puntatore del mouse sopra l’icona del SSD o della partizione che vogliamo formattare.
Facciamo clic con il pulsante destro del mouse.
Nel menu contestuale facciamo clic su Formatta
Si aprirà la finestra che consente di eseguire la formattazione.

Impostazioni di formattazione

Prima di avviare la formattazione spieghiamo quali sono le impostazioni che possiamo modificare.

  • Capacità
    In questa casella viene indicata la capacità di archiviazione del dispositivo.
  • File system
    Il file system definisce il metodo di scrittura dei file sul SSD (→ cos’è un file system).
    I sistemi operativi Microsoft consentono di formattare in tre diversi tipi di file system: FAT32, NTFS, exFAT (→ quale file system scegliere).
    Alcune edizioni di Windows 10 consentono di eseguire la formattazione anche nel file system REFS.
  • Dimensioni unità di allocazione
    La dimensione unità di allocazione indica la dimensione dei cluster del SSD.
    Un cluster è la più piccola quantità di spazio che può essere usata per contenere un file. Se un cluster non viene riempito completamente viene visto come occupato anche se è ancora presente delle spazio libero.
    La scelta della dimensione unità di allocazione dipende dalla quantità e dalla grandezza dei file che vogliamo memorizzare nel SSD. Per un numero limitato di file di grandi dimensioni conviene utilizzare cluster grandi mentre per molti file di piccole dimensioni conviene utilizzare cluster più piccoli.
    Se non sappiamo quale dimensione utilizzare selezioniamo Predefinita o Dimensione di allocazione predefinita.
  • Etichetta di volume
    L’etichetta di volume è il nome che possiamo attribuire al SSD dopo la formattazione.
  • Formattazione veloce
    Quando eseguiamo la formattazione vengono cancellati tutti i file in modo definitivo e viene eseguita una scansione per verificare la presenza di eventuali settori danneggiati. La formattazione veloce sovrascrive i dati esistenti senza effettuare la scansione dei settori danneggiati.

Per avviare la formattazione facciamo clic su Avvia e su OK.
Al termine dell’operazione verrà visualizzato il messaggio Formattazione completata.

2º Metodo | Utilizzare Gestione disco

Vediamo come formattare un SSD con Gestione disco.
Premiamo sulla tastiera del computer i tasti Windows (è il tasto con il logo di Windows) e R contemporaneamente.
Si aprirà la finestra Esegui (→ cos’è il comando Esegui di Windows).
Nella casella Apri: digitiamo diskmgmt.msc
Facciamo clic su OK.
Si aprirà lo snap-in Gestione disco.
Nella colonna Volume di Gestione disco posizioniamo il puntatore del mouse sopra la lettera corrispondente al SSD o alla partizione che vogliamo formattare.
Facciamo clic con il pulsante destro del mouse.
Adesso nel menu visualizzato facciamo clic su Formatta
Si aprirà la finestra Formatta.
Se necessario modifichiamo le opzioni.
Per avviare la formattazione facciamo clic su OK e ancora su OK per confermare.

3º Metodo | Utilizzare il prompt dei comandi

Vediamo come formattare un SSD con il prompt dei comandi di Windows e il comando DiskPart.
Premiamo sulla tastiera del computer i tasti Windows (è il tasto con il logo di Windows) e R contemporaneamente.
Si aprirà la finestra Esegui (→ cos’è il comando Esegui di Windows).
Nella casella Apri: digitiamo diskpart
Facciamo clic su OK.
Nella finestra Controllo dell’account utente (→ cos’è il Controllo Account Utente) facciamo clic su Si o su Continua.
Si aprirà il Prompt dei comandi di Windows.

Selezionare l’unità di memoria

Adesso nel prompt dei comandi, subito dopo DISKPART digitiamo:

list volume

Premiamo il tasto Invio sulla tastiera del computer.

Nella colonna Volume saranno visualizzati tutti i supporto di memorizzazione di massa del PC.
Digitiamo select volume seguito dal numero del SSD che vogliamo formattare.
Attenzione: selezioniamo il volume corretto. In caso contrario formatteremo un altro supporto.
Ad esempio digitiamo:

select volume 3

Premiamo il tasto Invio sulla tastiera del computer.
Verrà visualizzato Il volume attualmente selezionato è il volume 4.

Adesso digitiamo:

clean

Premiamo il tasto Invio sulla tastiera del computer.
Verrà visualizzato Pulitura del disco completata.

A questo punto per poter utilizzare l’unità di memoria dobbiamo creare una nuova partizione.
Digitiamo:

create partition primary

Premiamo il tasto Invio sulla tastiera del computer.
Verrà visualizzato Creazione della partizione specificata completata.

Formattare l’unità di memoria

Adesso dobbiamo scegliere con quale file system formattare l’unità di memoria (→ tipi di file system).
Se vogliamo usare il file system FAT32 digitiamo format fs=fat32
Se vogliamo usare il file system NTFS digitiamo format fs=ntfs
Per usare il file system exFAT digitiamo format fs=exfat

Per eseguire la formattazione veloce digitiamo quick dopo il nome del file system.
Ad esempio per eseguire la formattazione veloce con il file system NTFS digitiamo questo comando:

format fs=ntfs quick

Premiamo il tasto Invio sulla tastiera del computer.
Al termine della formattazione verrà visualizzato DiskPart: formattazione del volume completata.
Per chiudere DiskPart digitiamo:

exit

Premiamo il tasto Invio.
Infine chiudiamo il prompt dei comandi.

Perché limitare il numero di formattazioni di un SSD

Gli SSD dovrebbero essere formattati il meno possibile e solo in caso di necessità, ad esempio quando vengono infettati da virus o malware oppure per reinstallare il sistema operativo. Questo perché gli SSD, come anche le chiavette USB, sono stati progettati per poter effettuare un numero finito di scritture, al termine delle quali diventano inutilizzabili. Maggiore è il numero di formattazioni effettuato maggiore sarà il numero di scritture sul SSD.
Se abbiamo la necessità di eliminare in modo sicuro soltanto alcuni file o alcune cartelle invece di formattare possiamo utilizzare un software data erasure.