Gruppo Home rimosso da Windows 10

483
Gruppo Home rimosso da Windows 10

Il Gruppo Home è stato rimosso da Windows 10 a partire dalla versione 1803 del sistema operativo.
Introdotto nel 2009 con Windows 7 il gruppo home è una funzionalità che può essere utilizzata per condividere file, cartelle e stampanti con altri computer della rete locale (→ cos’è il Gruppo Home). La nascita del cloud e l’evoluzione dei metodi di condivisione e delle app, che consentono la connessione dei contenuti di più dispositivi contemporaneamente, hanno portato la Microsoft ad abbandonare questa funzionalità perché ritenuta ormai obsoleta.

Tutti i computer che eseguono la versione 1803 di Windows 10 o una versione successiva (→ quale versione di Windows 10 è installata nel computer) e tutti i computer aggiornati a questa versione non potranno più utilizzare il gruppo home.
Importante: il gruppo home resterà disponibile e funzionante in tutti i computer con Windows 7, Windows 8.1/8 e Windows 10 nelle versioni precedenti alla 1803.

Cosa è stato modificato

Il gruppo home non sarà più presente in Esplora file e nel pannello di controllo di Windows.
Non sarà più possibile creare, partecipare o abbandonare un gruppo home.
Non sarà più possibile condividere file e stampanti in rete utilizzando il gruppo home.
Inoltre il gruppo home non verrà più visualizzato nella schermata Risoluzione dei problemi presente in Aggiornamento sicurezza delle Impostazioni di Windows 10.

Gli elementi precedentemente condivisi con il gruppo home continueranno ad essere condivisi.
I file e le cartelle precedentemente condivise resteranno disponibili. Questi elementi potranno essere aperti digitando il percorso nella barra degli indirizzi di Esplora file in questo modo: \\NomePC\NomeCartellaCondivisa
Le stampanti precedentemente condivise resteranno accessibili tramite la finestra Stampa.

Gruppo Home rimosso da Windows 10: quali sono le alternative?

Concludiamo spiegando quali sono i metodi di condivisione che possiamo utilizzare in sostituzione al gruppo home. Le alternative disponibili sono le seguenti: le cartelle pubbliche di Windows (→ condividere file con le Cartelle Pubbliche), la condivisione avanzata (→ condivisione avanzata di Windows) oppure il cloud e quindi OneDrive o Google Drive (→ cos’è e come funziona Google Drive).